Contatti

Via del Donatore Avis Aido, 3 Azzano San Paolo (BG) - Italy +39 035 0449600 Lun-Ven, 9:00-13:00/14:00-18:00 Email: info@11thdimensionsrl.com

Siamo anche su:

Image Alt

Dall’Acqua

  /  Dall’Acqua

L’acqua

L’energia proveniente dall’acqua o dalle sue correnti è di tipo cinetico e viene trasformata in energia elettrica grazie a tecnologie e sistemi di trasformazione meccanici.

Molti sono i sistemi di utilizzo dell’energia cinetica contenuta nelle masse d’acqua. Qui se ne richiamano, per dovere di sintesi, solo alcune: l’energia dei corsi d’acqua e quella delle maree.

L’energia idroelettrica di un corso d’acqua, per esempio, utilizza l’energia posseduta da una certa massa d’acqua ad una certa quota e la trasforma in energia cinetica grazie al salto di dislivello di quota altimetrica.  L’energia cinetica è quindi trasformata in energia elettrica all’interno di una centrale idroelettrica, grazie ad un sistema di alternatori accoppiati a turbine.

L’energia derivante dalle maree ed il suo utilizzo hanno origini antiche. Infatti, in particolari condizioni favorevoli, furono costruiti “mulini a marea”. Durante l’innalzamento della marea, l’acqua veniva raccolta in un piccolo bacino che, in seguito, veniva in seguito chiuso con una paratia. Nella fase di deflusso l’acqua era convogliata in un canale verso una ruota collegata ad una macina.  Il movimento generato era utilizzato appieno.

Il mare produce energia cinetica anche attraverso le correnti marine. In questi casi sono usate turbine ad asse orizzontale, poste in affiancamento l’una all’altra. Immerse nell’acqua allo stesso livello di profondità e così configurate orizzontalmente possono sfruttare correnti marine con flusso e direzione costante. Ad esempio, le turbine ad asse orizzontale sono ideali per lo sfruttamento delle correnti marine monodirezionali che passano in uno stretto (e anche le correnti fluviali). 

L’Europa è nei primi posti dei maggiori produttori mondiali di energia idroelettrica, con l’84% di energia pulita sul totale delle fonti rinnovabili. In Italia, l’energia idroelettrica garantisce circa il 15% del fabbisogno energetico nazionale grazie all’apporto di più di 2.000 centrali ad acqua fluente. Da diverso tempo, la produzione italiana si attesta sui 45 miliardi di kW annuali.

Le recenti politiche incentivanti connesse alle fonti energetiche rinnovabili e le innovazioni presenti nel campo dei sistemi architettonici, hanno reso attualmente appetibile e conveniente l’energia idroelettrica, soprattutto grazie all’introduzione di mini-centrali capaci di sfruttare la forza dell’acqua anche su piccole portate.